Il bianco: un colore incredibilmente complesso

Il colore bianco può simboleggiare molte emozioni: pace, speranza, novità e nuovi inizi. La scienza alla base della sua stampa è altrettanto complessa.

Il bianco rappresenta molti sentimenti contraddittori: paura e speranza, nuovi inizi e cordoglio per i morti, sabbia e neve e molti altri opposti. “Più si parla del bianco, più diventa complesso” afferma James Goggin, docente della Rhode Island School of Design.

"Ricorriamo al bianco quando le cose sono estreme, quando sono grandi” aggiunge Jeff Goodby, fondatore dell’agenzia pubblicitaria Goodby, Silverstein & Partners. Goodby conosce bene il colore bianco: è stato lui a inventare la celebre pubblicità “Got Milk?” “Il bianco può essere il colore più evocativo, poiché può assumere così tante forme” spiega Goodby.

Nella stampa digitale, il toner bianco Xerox offre alla pagina un’incredibile versatilità. È possibile stratificarlo sul cartone colorato per creare effetti speciali, oppure coprirlo con colori CMYK o mischiarlo con colori speciali per creare colori completamente nuovi. “Il nostro bianco consente ad artisti e designer di fare tantissime cose” afferma Yat Ming-Wong, scienziata di Xerox.

Il toner bianco Xerox consente inoltre di non passare inosservati. “Offriamo il bianco più luminoso” afferma Beatriz Custode, Color Imaging Manager di Xerox. Otteniamo ciò inserendo il triplo della massa d’inchiostro rispetto alla concorrenza. Sulla scala di misurazione numerica, un bianco accecante corrisponde a 100 e la carta bianca si aggira intorno ai 90. “Noi ci aggiriamo intorno agli 80” afferma Custode. “I prodotti della concorrenza intorno ai 70”.

La pagina bianca può creare ansia negli artisti, i designer e gli illustratori; si tratta dell’elemento che bisogna inevitabilmente affrontare per dare vita alle proprie idee creative. Goodby consiglia di adottare un approccio diverso e contraddittorio, ovvero accogliere lo spazio vuoto e apprezzarne i limiti. “È bellissimo tuffarcisi dentro e donargli carattere e colore” afferma Goodby. “Oppure lasciarlo in pace e consentirgli di respirare”.

Condividi: