Democratizzazione ad ampio spettro della tecnologia di imaging

Con il termine “Hyperspectral Imaging” si intende la capacità di catturare l’intero spettro ottico di ciascun punto di un’immagine. Questa tecnologia potrebbe potenzialmente rivoluzionare interi settori, tra qui quello agricolo e quello medico, fino alla difesa e all’elettronica di consumo. Tuttavia i costi rappresentano un deterrente. E se potessimo rendere disponibile a tutti questa tecnologia innovativa, liberandone nel mondo tutto il suo potenziale?

I ricercatori del Palo Alto Research Center (PARC), una società Xerox, stanno facendo proprio questo, ovvero progettare una tecnologia di imaging ad ampio spettro leggera, programmabile e poco costosa, ideale per l’utilizzo su vasta scala.

Basata su un’elegante inversione del principio di funzionamento di uno schermo a cristalli liquidi, la tecnologia di PARC utilizza uno strato di cristalli liquidi spessi quanto un capello umano per codificare le informazioni hyperspectral. Può quindi essere integrata ovunque si utilizzino sensori d’immagine, inclusi gli smartphone.

Presto il mondo intero potrà vedere cose che finora nessuno ha notato.

Condividi: